Computer

Processore Intel o AMD? Riflessioni sulla scelta della CPU

Una delle domande che più mi è stata posta in questo periodo è “Qual è la situazione attuale per scegliere una configurazione pc? Intel o AMD?”. La risposta adatta ad una domanda del genere è sempre che la configurazione migliore è quella che soddisfa le proprie necessità. In questo periodo storico, quella domanda ha portato a diverse riflessioni che vorrei condividere con voi.

Dal non molto lontano 1981, noi utenti, ci saremmo avvicinati sempre più al poter selezionare quali cuori, pardon processori, inserire nelle nostre configurazioni. Dire che si tratti di una lotta eterna alla pari di quella dei “consolari” Xbox vs Play Station è un eufemismo. Ma perché citare quella data precedentemente? Nel 1981 Intel fu scelta da IBM come fornitore di processori per il suo primo personal computer. L’azienda, però, voleva due fornitori, così Intel si vide costretta a dare in licenza la sua tecnologia. Questo permise ad AMD di diventare la prima azienda autorizzata a clonare il processore 8086. Il primo chip di AMD, risalente al 1981, era l’AMD 8086 (e 8088) identico in tutto e per tutto al modello Intel. Da questo evento, qualcuno potrebbe pensare che la casa di AMD si sarebbe limitata semplicemente a clonare qualsiasi prodotto Intel, questo sarebbe un grave errore. Dobbiamo ringraziare la storia per quella data, poiché da quel momento in poi, Intel avrebbe avuto un competitor. Questo evento, tralasciando tutto ciò che può essere il mondo azionario, per noi utenti finali significava avere due produttori, che per conquistare i nostri cuori e portafogli avrebbe fatto la guerra al miglior prezzo.

La svolta avvenne nel 1991 quando AMD riuscì a rompere il monopolio di Intel con il lancio di Am386, che per diverso tempo fu fermato in tribunale, a causa di problemi burocratici riguardo a diversi brevetti. Dopo alcuni anni di processo, AMD vinse la causa e diffuse il suo Am386. Questo evento spezzò del tutto il monopolio di Intel e diede una spinta verso il basso al costo dei computer. La lotta tra le due società continuò ininterrottamente tra alti e bassi, raggiungendo il suo picco tra il 22 febbraio del 1999 ed il 23 settembre 2003 ossia gli anni di boom dei primi AMD Athlon e Sempron, gli eterni Intel Pentium e Celeron e gli anni che avrebbero portato al passaggio delle architetture da 32bit a 64bit. Ma solo dopo qualche piccola fiamma di speranza tra l’anno 2007 e 2010 AMD non reggeva più il passo di Intel che sembrava ormai aver ripreso le distanze come regina indiscussa dei processori. Mai cosa fu più vera! Dal 2010 in poi Intel ormai aveva immesso sul mercato gli Intel Core, ossia quelli che ad oggi banalmente definiamo come i3,i5,i7, mentre AMD aveva immesso sul mercato la serie FX e la A-Series che erano tutt’altro che ottimi per contrastare questa armata di Intel. Anche se AMD fu la prima al mondo a presentare processori ad 8 core fisici, i processori AMD non potevano reggere le prestazioni degli Intel in quasi nessun campo ed inoltre dalla loro avevano un grosso difetto, ossia i consumi estremamente elevati. L’unico vantaggio che rimaneva ad AMD era il prezzo, nettamente inferiore rispetto agli Intel. Quanto avrebbe potuto reggere questa situazione AMD?

Il mercato e le azioni dell’azienda iniziarono ad avere grossi cali ed AMD iniziò a spendere la gran parte dei propri fondi per rimanere a galla e nella ricerca! Erano gli anni bui di AMD ma iniziarono anche anni bui per noi consumatori. Cosa accade se una delle due UNICHE aziende che fornisce processori desktop e server ha il predominio totale del mercato? Semplice, quest’ultima è quella che né decide i prezzi. L’esempio più eclatante avvenne con la prima serie i9 ed Extreme che nell’arco di 6 mesi ebbero rispettivamente un sovrapprezzo di 300 e 500 euro, prezzi davvero folli per qualsiasi consumatore. Intel però così facendo fece il passo più lungo della gamba, poiché gli utenti, ormai abituati a determinate fasce di prezzo, ripiegarono sulle offerte AMD che riuscì a raccogliere fondi. La svolta infine avvenne ben 7 anni dopo con la nuova AMD, quella che tutti oggi noi conosciamo e di cui tutti parlano.

Nel 2017 AMD si presentò al mondo con una nuova faccia, letteralmente, sia un nuovo logo che un nuovo amministratore delegato, la donna forse più conosciuta ad oggi nell’ambito informatico, ossia l’ingegnere Lisa Su. In questo anno furono presentanti al mondo i nuovi processori, con le nuove architetture, che avrebbero stravolto il mercato. Il loro nome in codice era ed è RYZEN. Dal 2017 ad oggi 2020, non solo AMD ha subito una nuova rinascita ma è arrivata a rubare lo scettro ad Intel in quasi ogni campo. Processori più potenti, bassi consumi e costi moderati sono quello che distinguono questi processori, inoltre ricordate i fondi andati per anni nella ricerca? Sono stati davvero ben spesi, poiché prima di Intel sono riusciti a creare processori a 7 nanometri, ossia più piccoli e più performanti.

I processori AMD ad oggi sono i migliori processori? Forse! Ci sono ambiti lavorativi in cui i processori Intel funzionano ancora meglio? Ovviamente! Ma questo articolo vuole concentrarsi sul quale sia la miglior “casata” di processori? ASSOLUTAMENTE NO! Questo articolo è stato scritto per due motivi: Il primo motivo era quello di fare una piccola lezione di storia, cercando di condividere con voi una grande passione; L’altro motivo è GLORIFICARE e SPRONARE la concorrenza! Parliamoci chiaro, potremmo analizzare tutte le scelte di mercato o di ingegneria che vogliamo, ma la cosa che ci interessa davvero è quanto spendiamo per un quel prodotto e se vale la spesa! Dunque finché ci sarà concorrenza gli unici che né avranno vantaggio, siamo noi e non dovete dimenticarvi di questa cosa. L’unica cosa che ci rimane da fare è sperare che Intel si tolga la corona di alloro che si è creata negli anni e che sia dia una mossa per essere il competitor che è sempre stato, né abbiamo bisogno soprattutto in questo momento storico.

(PS: Mi sono limitato alla storia desktop e non notebook ed escluso i nuovi annunci, di questo potremmo discutere in prossimi articoli. Vi chiedo scusa per essere stato frettoloso ed impreciso su alcuni dati.)

Antonio.IT

Utente Assiduo
18 Novembre 2007
551
57
0
credo sia un buon momento per chi investe in azioni, puntare su AMD può essere una buona scelta
 

phyton88

Nuovo utente
13 Gennaio 2013
5
28
0
Io preferisco la Intel, questioni di compatibilità e non ho mai avuto problemi. Gli amd su certi software da problemi di compatibilità.
P.s. non homai provato lato gaming/grafica.
 

ale112

Nuovo utente
16 Aprile 2020
9
11
0
io personalmente ho solo avuto un esperienza con AMD ed è stata pessima. ora ho un computer con un i5 credo che per il prossimo pc rimarrò su intel ma non escudo di rivalutare AMD se farà uscire qualcosa di interessante
 

vinnythebest

Amministratore
Amministratore
27 Dicembre 2007
6.780
148
0
io personalmente ho solo avuto un esperienza con AMD ed è stata pessima. ora ho un computer con un i5 credo che per il prossimo pc rimarrò su intel ma non escudo di rivalutare AMD se farà uscire qualcosa di interessante
Penso che tu non abbia utilizzato ancora i nuovi processori Ryzen.


In generale AMD con i processori Ryzen sta facendo un lavoro mostruoso. Non vedo l'ora della versione 4000 per poter vedere il margine dei miglioramenti rispetto alla versione 3000 che già mantiene testa, e con frequenze molto minori, a Intel che ormai sta facendo diventare i propri processori dei piccoli fornetti.
 
  • Like
Reactions: Sygherfild

ale112

Nuovo utente
16 Aprile 2020
9
11
0
considera che io con il pc lavoro principalmente con app della suite adobe. per il nuovo computer mi consigli di passare a ryzen. perchè ho notato che co sono delle buone recensioni ma sono timoroso.
 

Sygherfild

Nuovo utente
Autore del topic
Redattore
6 Settembre 2018
22
23
0
Purtroppo la gran parte degli utenti sono influenzati da esperienze negative e dalla nomea che si porta sulle spalle AMD, nomea dovuta proprio ai momenti bui di cui si parla nell'articolo. Giustamente non ho potuto approfondire alcune informazioni ma cercherò di eliminare qualche dubbio qui. I problemi del passato erano dovuti a consumi esagerati per prestazioni nemmeno vicine a quelle di Intel, situazione opposta a quella di oggi che sta stravolgendo tutto. Ulteriori problemi erano dovuti ai produttori di schede madri che al tempo facevano schede con socket AMD giusto perché dovevano e non si pensava ad un dovuto supporto, questo comportava molte volte a creare configurazioni non ottimizzate o funzionanti. Questa ultima brutta esperienza è sia oggettiva che personale. Per anni sia in ambito lavorativo che personale ho avuto problemi con i vecchi processori AMD SOLO a causa delle schede madri e non perché i processori erano difettosi o altro. La situazione da diversi anni non è più la stessa, mi rendo conto che è difficile da uscire da quell'ottica ma si tratta di dati oggettivi,statistici e di benchmark. E' un pò come la nomea di anni ed anni fà dove si diceva che la combinazione intel & Nvidia aveva un boost di prestazioni oppure quella dove il le schede video che supportano la nuova generazione di Pcie 4, avrebbero un collo di bottiglia se montate su i pcie 3.0 (quelli che abbiamo tutti), cosa che più volte è stata smentita. Purtroppo la gran parte delle voci o sono condizionate da fanboy e si diffondono a macchia d'olio. Mentre ripeto per i vecchi problemi di AMD ci sono stati e non si può dire di no, li si tratta sempre di dati oggettivi. Il mondo dei processori Ryzen invece è tutt'altro. Ad oggi per qualità prezzo non ci sono tante domande da farsi, la scelta AMD è la migliore, problemi di compatibilità ci sono? Non per i programmi di produttività o elaborazione dati che utilizza la gente comune, forse c'erano una volta ma non oggi. Basti pensare che molte aziende da tempo sono passate sul fronte AMD, fatevi due domande e datevi una risposta. Ovviamente per chi fosse interessato è molto probabile che scriverò un'articolo con diverse configurazioni Intel ed AMD per ogni ambiente e fascia di prezzo, non sarà una cosa fatta in breve, anche perchè sto aspettando nuove uscite, ma arriverà.....spero :emoji_slight_smile:
 

Amatuzzo178

Nuovo utente
23 Aprile 2020
6
5
0
Io per il mio portatile che uso per studiare preferisco intel, adesso voglio comprare un pc da gaming cosa mi consigliate di prendere???
 

Stefyx

Utente Mitico
21 Agosto 2009
7.095
89
0
Attualmente AMD si trova al di sopra di Intel, anche se oserei dire che entrambe le case hanno i loro pro e contro.
Direi che AMD ha fatto passi da gigante ed ha distrutto Intel. A Ottobre da quel che so dovrebbe uscire la nuova serie 4000 di AMD che sicuramente andrà a distruggere nuovamente Intel, che sta facendo uscire i nuovi processori sempre con la stessa architettura. Dunque ad Ottobre AMD farà uscire processori nuovi ed aggiornati ad una nuova architettura, che dunque richiederanno una potenza minore grazie alla nuova architettura 5 nm. Inoltre questi processori Ryzen 4 avranno un GAP in fatto di prestazioni rispetto al modello 3 che sarà ancor maggiore rispetto al gap tra modello Ryzen 3 e Ryzen 2.
Per non parlare delle schede video serie 5xxx AMD, con la nuova tecnologia RDNA, che costano meno di Nvidia e rendono molto di più, anche se devo dire che le "cheap" branded fanno un po pena nel raffreddamento..
Inoltre a fine anno usciranno le GPU di AMD con tecnologia RDNA2, quindi io mi preparo per vederne di belle..