Da non perdere Tanti auguri iPhone! 10 anni da quando Apple ha reinventato il telefono

Emanuele Caracci

Le conferenze Keynote di Steve Jobs sono sempre stati un inno all’esagerazione, una liturgia del culto della Apple. Fanno riflettere le parole dette da Jobs durante la presentazione del 9 gennaio 2017 di iPhone: “Oggi abbiamo reinventato il telefono”.  Nell’enfasi di quella presentazione, diluita con l’ironia di mostrare un goffo iPod con ruota numerica prima del vero pezzo grosso, Jobs disse che Apple aveva creato tre nuovi modelli rivoluzionari per ascoltare musica, telefonare e navigare in rete. Ha spiegato poi che i tre oggetti erano in realtà uno solo. Quel compagno di tasca che da allora non abbiamo mai più abbandonato e che ha rivoluzionato il nostro modo di comunicare, di usare il Web, di consumare non solo musica ma tutte le forme di intrattenimento, creando poi nuovi mercati e servizi prima inimmaginabili.

Ecco il famoso Keynote, il quale non necessita di ulteriori descrizioni poiché è semplicemente a mio giudizio sublime!

Il primo iPhone e iPhone 2G (2007)

iPhone nel 2007: il classico layout con le icone, il pulsante Home, e il display multi-touch cambieranno la concezione degli smartphone. Pensato per Internet, ma mancano ancora alcune caratteristiche chiave come la connettività 3G e l’App Store.

iPhone 3G (2008)

Presentato nel 2008, questo nuovo modello aggiunge il pezzo mancante del puzzle: l’App Store. Dal 2008 gli sviluppatori hanno la possibilità di costruire le proprie applicazioni e inizia così la vera e propria app revolution. Inizia anche l’uso sempre più frequente di Internet, grazie all’arrivo della connessione 3G, le notifiche email e la navigazione GPS.

iPhone 3GS (2009)

Il primo modello “S” di iPhone che offrirà miglioramenti piuttosto che nuove funzionalità. Due volte più veloce del suo predecessore, come indica la S (speed) del nome. Mantiene la stessa forma di base dei modelli precedenti, tra cui uno schermo da 3,5 pollici. Ora però con iPhone 3GS puoi copiare e incollare il testo.

iPhone 4 (2011)

La quinta generazione di iPhone sembrava identica al suo predecessore, ma era fornita di Siri, l’assistente vocale di Apple, che era in anticipo sui tempi e molto ambizioso. L’iPhone 4S è stato anch’esso una piccola miglioria al precedente, questo grazie ad una nuova fotocamera da 8 megapixel e l’antenna riprogettata per risolvere i problemi di connettività che affliggevano il modello 4. È stato lanciato il 4 ottobre, ma la notizia è stata oscurata dalla morte del fondatore di Apple Steve Jobs, avvenuta il seguente giorno. Io stesso tengo ancora questo modello in ricordo del grande Steve.

iPhone 5 (2012)

Display da 4 pollici e un case in alluminio che lo ha reso resistente ma leggero. L’iPhone 5 ha anche introdotto il nuovo connettore lightning, che sostituisce il vecchio connettore dock a 30 pin.

iPhone 5C e iPhone 5S (2013)

Versione più economica e colorata del suo smartphone dell’anno precedente: iPhone 5c ha un guscio in policarbonato.

Il cugino più costoso del 5C è invece iPhone 5S, che ha mantenuto un design quasi identico a iPhone 5, ma con l’aggiunta di nuove opzioni di colore. I cambiamenti delle funzioni sono però molti: il tasto Home è stato aggiornato per supportare il sistema di riconoscimento delle impronte digitali, il touch ID, e il dispositivo è caratterizzato dal primo processore a 64 bit per uno smartphone (A7). Dopo anni inoltre cambia il design delle app che diventa più piatto per un look più pulito.

iPhone 6 e iPhone 6 Plus (2014)

Apple abbandona i piccoli schermi per due  display da 4,7 pollici e da 5,5 pollici. Entrambi i telefoni sono caratterizzati da un design curvo, dal supporto NFC per i pagamenti mobile, un processore più veloce e fotocamere migliorate. Purtroppo il lancio di questi nuovi iPhone è segnato dallo scandalo “bendgate”: i primi modelli si piegano se tenuti in tasca.

iPhone 6S e iPhone 6s Plus (2015)

Case in alluminio meno incline, un display più sensibile alla pressione (Touch 3D) e la possibilità di ricavare dei video dagli scatti fatti.

iPhone SE (2016)

Un dispositivo da $399 che sembrava esattamente come un iPhone 5S, ma con un hardware più veloce. Lo schermo da 4 pollici è perfetto per le persone che non si sentono pronti a passare ad un dispositivo più grande.

iPhone 7 e iPhone 7 Plus (2016)

Gli ultimi arrivati in casa Apple: iPhone 7 e 7 Plus. Nessun vero restyling ma cambiamenti importanti come la resistenza all’acqua, perfezionata rispetto al modello 6; il Plus ha anche la doppia fotocamera; in entrambi, l’entrata per il jack per le cuffie è stata rimossa a favore dei nuovi AirPods. Cambiamenti da cui non si può tornare indietro, in attesa che il 2017 porti un nuovo iPhone e una nuova evoluzione.

Come sarà secondo voi il prossimo iPhone? Secondo me si chiamerà iPhone 7s e sarà composto da due modelli, 7s e 7s Plus. Quali sono le vostre aspettative? Parlatecene!

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Emanuele Caracci on FacebookEmanuele Caracci on InstagramEmanuele Caracci on Tumblr
Emanuele Caracci
Emanuele Caracci è un informatico, radiofonico, giornalista e pianista italiano. 

E' attuale Fondatore e Direttore di Radio Artista, una web radio online che ha fondato a soli 13 anni.
Trackback URL