Recensione Fitness Tracker Bluetooth Willful SW328

Alessandro Musumeci

Fitness Tracker Willful SW328

Fitness Tracker Willful SW328
7.6666666666667

Comodità

9/10

    Precisione

    7/10

      Applicazione

      8/10

        Pro

        • Costo
        • Cinturino comodo
        • Applicazione

        Contro

        • Precisione del battito cardiaco
        • Istruzioni in cinese

        L’articolo di cui parleremo oggi è frutto di una vasto test effettuando su molti Fitness Tracker cinesi fornitomi da Willful e da altre aziende orientali; oggi ho deciso di portarvi lo smartband che più di tutti mi ha convinto per diversi aspetti: SW328 della Willful.

        Confezione

        All’interno della confezione si trova esclusivamente lo smartband e delle istruzioni esclusivamente (ahimè) in cinese.

        Prime impressioni

        Fitness TrackerProdotto nettamente superiore a molti pari-livello: cinturino finalmente comodo (dovete sapere che nella stragrande maggioranza degli smartband le aziende orientali montano un cinturino di una scomodità unica) e inoltre è molto elegante anche se indossato da un polso piccolo.

        Fantastica l’assenza del cavo di ricarica: bisogna estrarre parte del cinturino in modo da poter esporre la “linguetta” USB che ricaricherà il dispositivo. Schermo molto luminoso, ben visibile anche sotto il sole mattutino, e vibrazione alle varie notifiche fortissima, realmente impossibile non sentirla!

        Applicazione per smartphone

        Fitness TrackerL’applicazione l’ho trovata attraverso il codice QR presente sul retro della confezione del dispositivo. Essa è in italiano ed è davvero benfatta: permette la personalizzazione di molte caratteristiche e implementa diversi sport – sia all’aperto che in casa – tra cui corsa, bicicletta, jumping back e sit-up.

        Sensori del fitness tracker

        Non si può esattamente chiamare “punto debole” in quanto aspettarsi precisione e accuratezza assoluta da questi dispositivi sarebbe un po’ ingiusto. Il sensore del battito cardiaco talvolta sottostima l’effettivo numero di battiti, mentre il contatore di passi, associato al proprio smartphone, tutto sommato svolge il suo lavoro in maniera sufficiente. Solo una volta mi è capitato che impazzisse dando risultati decisamente sbagliati.

        In generale se si ha bisogno di un dispositivo realmente affidabile per monitorare con precisione problemi cardiaci, non si possono spendere poco più di 35€.

        Conclusioni

        In generale mi ritengo soddisfatto del dispositivo: le notifiche arrivano sempre. Sono state inoltre apportate determinate migliorie che hanno reso apprezzabile il dispositivo anche per un uso non prettamente sportivo.

        Il costo è d’altra parte anche abbastanza contenuto. Mi sento di consigliarlo.

        © RIPRODUZIONE RISERVATA
        Alessandro Musumeci on Facebook
        Alessandro Musumeci
        Trackback URL