Recensione

Steve Jobs: un film da Oscar?

Anche in Italia arriva finalmente il film Steve Jobs: dal carattere controverso, a causa dei continui discordi della critica nel giudicarlo chi positivamente, chi negativamente, riuscirà a spopolare fra i cinespettatori italiani?

Nelle sale cinematografiche italiane è attualmente proiettato il secondo film riguardante la storia di Steve Jobs, creatore dell’Apple. A due anni di distanza dall’ultimo, il film che vede come regista Denny Boyle e come protagonista Michael Fassbender, cerca di descrivere al meglio la vita personale di Steve, contorta e difficile.

Michael Fassbender aka Steve Jobs Tutti noi, almeno una volta, abbiamo visto il film I pirati della Silicon Valley e ci siamo chiesti cosa sia accaduto dopo.
Il mio professore d’informatica mi fece vedere lo stesso film 2 o 3 volte nello stesso anno e, per qualcuno che non conosceva la reale storia di Steve Jobs, sembrava una persona con parecchi rimpianti e diciamocela tutta, anche un po’ drogata.

Il film della casa di produzione Legendary Pictures, non ci ha lasciato di certo a bocca aperta, ma ci ha aperto, anche se in parte, gli occhi sul fondatore della Apple.
Il film contiene molti personaggi con degli Oscar: il primo di essi è il regista Denny Boyle, il secondo è lo sceneggiatore Aaron Sorkin (sceneggiatore del film biografico di Facebook) ed infine la bellissima Kate Winslet che ricopre il ruolo di Joanna Hoffmann.
Parecchio noioso sui dialoghi nel primo tempo, il film si concentra maggiormente nelle scene prima delle presentazioni dei maggiori marchi di Steve Jobs: Macintosh, NeXT Computer ed infine iMac.

Non si può non notare la profonda difficoltà di Steve a mantenere dei rapporti saldi con le persone: prima la figlia Lisa e poi gli amici dell’Apple. Pare che solo l’assistente Joanna sia rimasta con lui per tutto il tempo. Per tutto il film non si è fatto accenno alla Pixar Animation Studios (casa di produzione cinematografica acquisita da Steve Jobs) ed il film si chiude nel bel mezzo della presentazione dell’iMac, avvenuta nell’anno 1998. Il film utilizza come fonte di riferimento il libro di Walter Isaacson, Steve Jobs (2011), che è attualmente l’unica biografia ufficiale e riconosciuta ed è acquistabile da qui.

Gli attori che interpretano Steve Jobs (Michael Fassbender) e quella di Joanna Hoffmann (Kate Winslet) sono stati candidati agli Oscar 2016 come miglior attore protagonista e miglior attrice non protagonista.