I migliori software gratuiti per testare le performance del PC

Assemblare un PC da sé, scegliendo i componenti migliori, è una delle pratiche più soddisfacenti per chi ama questo dispositivo, ormai indispensabile per giocare, lavorare o studiare. E quando si premere il pulsante di accensione e il computer si avvia senza problemi, constatare che tutto è stato montato correttamente è molto gratificante. Ma anche se il PC si avvia e sembra funzionare senza problemi, sarebbe meglio assicurarsi che tutti i componenti siano perfettamente operativi. 

La scheda grafica offre le immagini al livello promesso dal produttore? La RAM funziona costantemente per ore e ore? La CPU elabora il numero desiderato di processi senza surriscaldarsi? Per rispondere a queste domande, si possono eseguire i cosiddetti “stress test”, che in pratica assicurano che tutti i componenti assemblati possano gestire i carichi di lavoro per cui sono progettati (o overcloccati). Nella maggior parte dei casi se il PC non dà errori alla prima accensione i componenti non dovrebbero creare problemi in condizioni di utilizzo normale, ma se si vuole sapere se saranno in grado di gestire compiti più pesanti, come i giochi di fascia alta o l’editing multimediale, gli stress test cancelleranno tutti i dubbi.

Con un test di questo tipo, viene simulato un carico di elaborazione pesante sull’intero computer o su un particolare componente al fine di identificare potenziali punti deboli, hardware difettoso o necessità di un migliore raffreddamento. E nessun computer fisso potente lo si può definire tale prima di averlo testato, con i giusti software, a fondo.

Prima di iniziare

Lo stress test viene eseguito con alcuni software specifici. E il punto centrale di questo articolo è quello di raccomandare i migliori sul mercato. Innanzitutto, alcuni consigli prima di iniziare. Per risultati ottimali, è necessario che il PC concentri tutta la sua potenza sui test. Quindi chiudere tutti i programmi non essenziali.

Lo stress test viene di solito eseguito per lunghi periodi di tempo. Assicurarsi di regolare le impostazioni di alimentazione per disabilitare la modalità di sospensione prima di iniziare. Tenete conto che questi test possono essere potenzialmente pericolosi per i componenti ma anche che la maggior parte dell’hardware è progettata per spegnersi prima di incorrere in danni. Per questo motivo è consigliabile scaricare un software di monitoraggio hardware, come HWMonitor, per tenere sotto controllo le temperature dei vari componenti.

Una volta installato il software di monitoraggio hardware, cercare le temperature massime per CPU e GPU. La maggior parte delle CPU non deve superare i 70 gradi centigradi mentre le GPU è meglio che non vadano oltre i 100 gradi centigradi. Se i componenti superano il loro massimo calore o rimangono vicini al massimo per periodi prolungati, interrompere lo stress test. Detto questo, diamo un’occhiata ad alcuni dei migliori software per stressare al massimo il PC

Test CPU

Prime95 è il software gratuito più popolare per testare le CPU. Funzionerà indefinitamente e si spegnerà se trova un problema. Si consiglia di eseguire Prime95 per almeno tre ore e di assicurarsi che le temperature non diventino troppo pericolose durante i test.

Un’altra opzione popolare per testare le CPU è IntelBurnTest che utilizza lo stesso motore di stress test che Intel adopera internamente per il controllo di qualità prima di spedire le CPU. Il programma afferma inoltre di eseguire i test necessari in otto minuti, anziché impiegare oltre tre ore come Prime95.

Per un’opzione leggermente “docile”, c’è anche Super PI, un benchmark a thread singolo che calcola il numero pi fino a un numero specificato di cifre (con un massimo di 32 milioni). Non è lo stress test ideale per le CPU multi-core, ma può comunque dare una buona idea di come il PC gestirà le attività single-thread. Inoltre, non è un cattivo riferimento per capire le prestazioni di gioco del computer.

Test GPU

FurMark: ecco uno stress test grafico estremamente popolare. Questo programma dovrebbe spingere al massimo la scheda grafica più potente anche rispetto al gioco più esigente sul mercato. Se la GPU ha problemi, si dovrebbe saperlo entro circa 15 minuti, tempo che impiega il software per completare il test.

Unigine’s Valley: un altro popolare stress test GPU. Questo test effettua un rendering continuo su una scena a tema natura estremamente dettagliata, per capire quanto la scheda grafica possa gestire questa operazione.

Test RAM

MemTest86: questo per molti è il test RAM definitivo. Si avvia da un’unità USB o da un CD/DVD per testare tutto quanto può e deve fare una memoria RAM. Se nella schermata del software qualche parametro diventa di colore rosso, vuol dire che qualche cosa non va per il meglio. Al contrario, significa che la RAM funziona alla grande.

Webdesign, tecnologia, computers, web, grafica, etc..